Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Giù al Sud: viaggio allucinante con Trenitalia

Giù al Sud: viaggio allucinante con Trenitalia
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 29/12/2011

 

La partenza è prevista per le 07:40. Destinazione Siracusa. La Stazione centrale di Roma Termini brulica già di vita. Gli altoparlanti scandiscono partenze ed arrivi. Gente sonnacchiosa ed infreddolita tenta di capire dove debba dirigersi per partire.

 

Il nosro treno è al binario 12, Percorriamo con qualche difficoltà lo spazio che ci divide dal nostro mezzo di locomozione verso la Sicilia. E' necessario compiere una sorta di gimcana fra persone, valigie, carrelli e qualche mezzo di trasporto interno di Trenitalia.

 

Arriviamo al treno. Piccole folle si ammassano di fronte alle scalette di accesso. Guardiamo il treno: sembra di fare un salto indietro nel tempo di almeno 40 anni.

 

Non abbiamo potuto prenotare un vagon lits. Il regalo di Natale di Trenitalia, quest'anno è stato la soppressione in massa di tutti i treni notturni verso il Sud proprio durante il periodo natalizio. Una tragedia.

 

Non potendo prevedere in tempo utile la partenza causa ferie da stabilire in tempi diversi, non è possibile usufruire di Last Minute in aereo, e d'altronde pagare una tariffa intera di volo andata e ritorno per due persone costa quanto una settimana a Sharm El Sheik in albergo 5 stelle.

 

Così, ci tocca un vetusto Intercity: 11 ore di viaggio. Fantozziano.

 

Saliamo a bordo. Il treno oltre ad essere vecchio è anche parecchio sporco. Gente, tantissima. Scopriamo subito che siamo fra i pochi fortunati detentori di prenotazione che possono contare su una "comoda" poltrona per tutto il viaggio. Gli altri, circa mille scopriremo in seguito, devono subire la gogna del posto in piedi. O seduti a terra, nella migliore dele ipotesi.
 
Un tempo, in mille, hanno cambiato le sorti del mondo. Oggi sono appollaiati alla bell'emeglio in un corridoio sporco di un anonimo treno italiano che li conduce verso il nulla.

 

Poco dopo la partenza, inizia l'avventura, In tutti i sensi. Sentiamo voci nel corridoio e capiamo che qualcosa di strano sta accadendo, A quanto pare un uomo in evidente stato di criticità psichiatrica, si è barricato all'interno dello scompartimento e non permette a nessuno di entrare. Attenderemo fino a Napoli per avere il sostegno delle Forze dell'Ordine che, per far scendere il personaggio in questione, ci fa aggiudicare ben tre quarti d'ora di sosta non previsti.

 

Il treno riprende la sua corsa. Lo scompartimento è angusto. Le giunture scricchiolano e l'umore cade vertiginosamente. Ma è ancora nulla, perchè non abbiamo ancora avuto necessità di usufruire delle toilettes messe "generosamente" a disposizione da Trenitalia. Il mio primo tentativo mi fa passare del tutto la voglia di espletare le natuarli necessità fisiologiche: la toilette è in condizioni di igiene molto precarie.

 

Icontro un addetto del treno e gli chiedo come sia possibile una cosa del genere: la risposta è quasi raccapricciante: "E lo chiede a me"?. Lui in realtà non ha torto. Ma io vorrei tanto parlare a Mister Trenitalia e cantargliele di santa rafione.

 

L'addetto poi ci ripensa e mi dice¨"Sa signora, abbiamo caricato mille persone in più rispetto al dovuto". Mille? Certo. Sono stati soppressi tutti i treni notturni e la logica conseguenza è ovviamente un sovraccarico di passeggeri che oltretutto, va contro ogni normativa sulla sicurezza e l'igiene.

 

Come di solito accade, nel nostro scompartimento abbiamo trovato il modo di ricreare una piccola comunità. Viaggiano con noi un professore di Matematica, una cuoca di un grande ristorante calabrese ed una coppia di anziani signori.

 

Le chiacchere ci fanno scorrere il tempo. Per non pensare. Per non vedere. Per non riflettere.

 

Siamo passeggeri di un treno che rappresenta l'Italia in tutta òla sua crisi. E rappresenta bene una Società dove l'Essere Umano è più somigliante a carne da macello piuttosto chea ad elemeto da sostenere e valorizzare.

 

Questo viaggio allucinante di 11 ore e mezzo, getta una luce oscura e melmosa sulla nostra attualità.

Intanto, mentre viaggiamo scomodamente, altre persone potestano scomodamente arrampicate su un qualche tetto di Roma, contro la soppressione dei vagoni notturni verso il Sud e conseguenti cancellazioni di posti di lavoro. Tutti, siamo vittime dello stesso Sistema. Della stessa società. Degli stessi Governi.

 

Ci unisce ormai un filo comune, che sa di inequità mista a furore che seppure viene espresso nessuno ormai ascolta più. Forse, se tutti insieme avessimo deciso di non partire su questo treno bestiame contrabbandato per azienda modello, avremmo compiuto una vera silenziosa protesta, Ma è Natale: come si può protestare proprio ora? Le famiglie ci aspettano. Abbiamo diritto almeno a rincontrarci.

 

Protesteremo. Prima o poi.

 

Con circa mezz'ora di ritardo sulla tabella di marcia, arriviamo finalmente ala stazione di Siracusa. Le facce di madri e padri e fratelli persi nel tempo e nello spazio, cancellano il disagio di una crisi che ormai ci percuote tutti in ogni luogo ed in ogni situazione. Tutti. O quasi.

 

Buone feste. Le proteste possono aspettare. "Loro" lo sanno. Hanno vinto anche stavolta.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2022 03:49:22

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -