Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Il “Made in Italy”? Spesso è una truffa. Viva l’onestà dei cinesi!

Il “Made in Italy”? Spesso è una truffa. Viva l’onestà dei cinesi!
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2012

 

 
 
Alzi la mano chi non ha mai acquistato presso un negozio – fra i tantissimi sul nostro territorio – cinese. Ed alzi la mano chi, dopo aver acquistato uno di questi prodotti è mai stato vittima nell'ordine: di allucinazioni, intossicazioni, peste bubbonica, calli e brufolosi adolescenziale.

 

Nessuno ci dirà mai apertamente la verità. Che in molti conosciamo, ma che nelle troppe vicende di una vita votata ad una società fallace e troppo veloce, spesso si dimentica. Sono qui con questo articolo, per ricordarvi qualcosa, e per spiegarvi qualcosa, cui forse non avevate mai pensato.

 

La prima cosa, fondamentale: il famoso "Made in Italy" spesso made in italy non è. Moltissime imprese manufatturiere – è risaputo – creano i loro prodotti proprio in Oriente, sempre più spesso in Cina o in Corea. Sembra bizzarro, ma in effetti, il bassissimo costo di mano d'opera, fa si che in ogni caso, l'impresa italiana risparmi moltissimo anche ordinando oltre Occidente i "propri" prodotti.

 

La cosa che pochi sanno, è che in questo modo, le normative in vigore e quindi rispettate per la produzione in Oriente di un qualsiasi tipo di articolo, sono quelle del luogo. Ergo: non pensate che ogni volta che leggete su un capo di abbigliamento, un accessorio, un giocattolo e persino una matita "Made in Italy" ciò sia garanzia di innoquità e di valore commerciale. Anzi.

 

Il fatto è, che appunto pochi occidentali fanno così spesso due più due. Anche se è risaputo da anni che è più conveniente servirsi di canali esteri per la produzione.

 

La seconda cosa, non meno importante, deve portare tutti a riflettere attentamente: le spietate guerre mediatiche contro i prodotti cinesi, altro non sono se non una madornale ulteriore presa per i fondelli ai danni dei consumatori. Spiego. In Occidente, ci hanno inculcato che la qualità si paga. Tanto.

 

Nella realtà dei fatti, di fronte alla chiarificazione che anche le aziende più griffate occidentali si servono del lavoro e delle materie prime orientali e non solo, a costi di manodopera bassissimi, ecco che viene svelato l'inghippo che è solo uno dei drammatici metodi per vendere a peso d'oro in pratica gli stessi – o quasi – oggetti che potremmo ottenere con molto meno denaro se non dovessimo pagare la presa in giro dell'alta qualità nazionale.

 

Sono davvero poche oggi, le imprese manufatturiere italiane che non producono presso terzi fuori dai confini occidentali. Non conviene. In tutti i sensi. Meglio delegare chi lavora molto, pretendendo poco ed utilizzando materie prime difformi comunque dalle nostre restrittive normative in tema di produzione e consumo.

 

Le campagne terroristiche contro i prodotti orientali, nella realtà dei fatti servono solo a dissuadere i consumatori dall'acquistare prodotti a basso prezzo, e per convogliare i consumi verso l'aberrazione di un "Made in Italy" o "Made in Occidente" che in effetti non garantisce altro se non l'applicazione di ricarichi pesantissimi. Sappiate ad esempio, che qui da noi il settore dell'abbigliamento ha ricarichi che possono arrivare al 500%. In pratica, il negoziante acquista ad un euro e ti rivende a.... Uno scandalo.

 

Certamente, non dico che tutti i prodotti nostrani siano al pari del livello qualitativo di merci acquistate in altre nazioni. Ma posso dire con sicurezza, che sono molte le nostre imprese manufattutiere che per risparmiare mettono in atto la strategia della produzione oltre confine.

 

Peccato poi, che lo stesso oggetto in Italia venga a costare decine di volte in più del valore reale di acquisto in negozio.

 

In definitiva: a quanto pare, i tanto deprecati prodotti orientali tanto male non sono. Semmai, fanno male ai nostri sistemi di Mercato, che ci obbligano costantemente a desiderare articoli costosi, che in realtà valgono molto meno del loro prezzo. Se i prezzi nostrani fossero onestamente più accessibili, non avremmo necessità di acquistare a basso costo nelle attività orientali, e daremmo una reale sferzata allo sviluppo della produzione interna.

 

Ma si sa, in Italia, in Occidente, tutto ciò che è palesemente giusto, viene automaticamente tolto, cancellato, posto fuori norma. Perchè si sa: nei sistemi poco fallaci, c'è poco spazio per truffa e corruzione. E noi non abbiamo ancora imparato che l'onesta dovrebbe essere il fondamento di una società democratica.

 

Peccato

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/12/2022 17:39:55

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -