Sei nella sezione Battaglie Sociali   -> Categoria:  Diritti Civili  
Popolo Italiano: costituiamoci parte civile contro chi ha rubato denaro pubblico

Popolo Italiano: costituiamoci parte civile contro chi ha rubato denaro pubblico
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 29/09/2012

 

Art. 74.
Legittimazione all'azione civile
 

 

1. L'azione civile per le restituzioni e per il risarcimento del danno di cui all'articolo 185 del codice penale può essere esercitata nel processo penale dal soggetto al quale il reato ha recato danno ovvero dai suoi successori universali, nei confronti dell'imputato e del responsabile civile.

 

 

 

Avete pensato mai fino in fondo agli effetti dei reiterati furti di denaro pubblico per scopi privati?

E’ una delle condizioni “principe” del sistema politico ed amministrativo italiano da tempo immemore. Si ha a portata di mano un’enormità di denaro gentilmente offerto dalla popolazione e dai oggi, dai domani, ti accorgi come sia facile appropriarsene.

Oggi che tutto si sta “svelando” agli occhi del mondo, si parla di inchieste, indagini, nomi e cognomi. Ma nessuno parla di come questi furti pesino sulla quotidianità della popolazione. Che magari poi – dopo il primo momento di “allegra” confusione, viene pure chiamato ad “altri sacrifici” a causa dei furti di denaro pubblico di cui sicuramente – è difficile pensare diversamente – tutti i componenti della solita casta sapevano.

A chi appartiene il denaro pubblico? Al pubblico, cioè: ai cittadini.

Nel senso che, essendo denaro ottenuto attraverso le poliedriche forme di versamento da parte dei cittadini (contributi, tasse, imposte, finanziamenti ai partiti) lo stesso deve – o meglio, “dovrebbe” – poi essere utilizzato per scopi…Pubblici.

Sostegni, agevolazioni, finanziamenti. Tutto ciò che è stato invece tolto di netto. Il cosiddetto Welfare, di cui oggi ci rimane solo il costoso Ministero, o anche quelle opere a beneficio della Comunità.

Invece, il denaro pubblico notoriamente utilizzato per scopi personali – non ci vengano a dire che è storia nuova… - non basta mai. La pressione fiscale arriva a livelli insani. La popolazione viene costantemente chiamata a “contribuire” – non si sa bene più a quale scopo - e di controm la stessa popolazione non vede nulla, ma proprio nulla, in cambio di ciò che versa.

Non migliori servizi. Non sanità eccellente. Non strade manutese. Nulla. Anzi, vede. Vede costantemente privarsi del Diritto di ottenere tutto ciò per cui gli si chiede di vivere con poca autosufficienza economica. E vede anche, l’assoluta dissolutezza con cui coloro che hanno le chiavi del grande forziere in mano, utilizzano questo enorme flusso di denaro.

Oggi che si è deciso di scoperchiare i pentoloni degli abusi sul denaro pubblico, la vera notizia e la vera domanda da porsi è: quando verrà restituito il denaro pubblico impropriamente utilizzato?

Perché non basta far saltare questo o quel personaggio. Non basta che vadano – semmai - in galera. Non basta perché la cosa fondamentale è, che chi si è indebitamente appropriato di denaro appartenente a tutta la comunità italiana, oltre a pagare penalmente per i reati eventualmente compiuti, deve poi rimettere a posto il maltolto.

E rimettendolo a posto, questo denaro deve contribuire poi a sostenere le necessità della società civile. Punto.

Qui invece, nessuno che ne parli. Rubano. Si sa. Semmai si dimettono. Forse, ma non è detto, vanno pure ai domiciliari per qualche ora. Poi, nulla di fatto. Il rubato è rubato. Volato. Usato. Goduto. Pari e patta.

Non è così che va, in una vera società civile. E se così vogliamo chiamarci noi cittadini italiani, “civili”, dobbiamo chiedere che le Leggi vigenti, la moralità, la trasparenza possano fare il loro corso esemplare.

Unirsi quindi in una grande azione mai vista prima d’oggi: costituirci parte civile contro coloro che si sono macchiati di utilizzo a scopi provati di denaro pubblico. Perché i danneggiati di tali reati, siamo noi cittadini, che di conseguenza abbiamo il diritto - sancito dal codice di procedura penale , ex art. 74 – di poter chiedere di essere risarciti dei danni subiti a causa dei furti reiterati di denaro pubblico.

Se non ora, quando? Quando vivremo nel mondo delle cose reali e sagge da fare? Quando possiamo pensare di assurgere nuovamente a quello stato di dignità che ci è negato perché noi rendiamo quotidianamente possibile negarcelo?

Se ciò su cui vi faccio riflettere scalfirà un poco la condizione di assoluta sconfitta per essere cittadini posti sempre nella condizione di subire tutto, avremo tutti fatto un primo ma enorme passo verso la strategia della rivoluzione sociale tanto indispensabile in un periodo storico che ci sta mostrando come tutto il male possibile sia possibile.

Per quanto riguarda la costituzione parte civile dei cittadini contro chi ha rubato, ruba o ruberà denaro pubblico, OVVIAMENTE vi sono dei criteri. Legislativi e non solo.

Ad esempio: è necessario verificare e determinare quanto e quale denaro pubblico è stato rubato. Come sarebbe dovuto essere utilizzato etc...

Prendiamo il caso dell'AD di Tributi Italia s.p.a. e dei 4 arrestati con lui: hanno rubato (dicono per ora) 200mln di ICI versata dai contribuenti. In questo caso, abbiamo un dato certo. Che spazzerebbe via l'eventualità di un vizio di forma... Sappiamo cosa è stato rubato, a chi, quando.

E' per questo che voglio comporre un maxi pool di avvocati composto da almeno uno studio legale in ogni Regione.

Farlo è un diritto, oltre che un dovere

Chiunque voglia compierlo davvero questo passo, mi contatti.
 
Studi legali interessati a sostenere la causa la mia mail è:
 
emilia.ursoanfuso@gliscomunicati.com

--------

Vi invito anche, a firmare la petizione creata ad hoc


 

(Click sulla scritta. Dopo aver firmato, inviatemi la Vostra adesione via mail per renderla a norma di legge) 

 

Licenza Creative Commons
Popolo italiano: costituiamoci parte civile contro chi ha rubato denaro pubblico by Emilia Urso Anfuso  
http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2322 is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at
http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2322.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2022 03:56:53

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Diritti Civili

Autore: Fabio Miceli - Redazione Battaglie Sociali
Data: 02/05/2020
Lavoro: fino a 180mld di trattenute in meno tassando le emissioni di CO2

L’idea nata da M.Cappato (Eumans) è supportata da 27 premi Nobel e oltre 5.000 scienziati. Il mondo dello spettacolo si sta mobilitando: hanno già aderito alla campagna Fedez, Pif, N.Zilli, M.Maionchi, N. Marcorè, G. Innocenzi, G. Muccino, C. Capotondi, Arisa, P. Pardo.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 14/12/2019
Testamento biologico: depositate circa 170.000 DAT

Cappato: “Disparità è responsabilità di politica e comuni. CitBot è la risposta alle lacune delle istituzioni”

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 25/10/2019
Cannabis: Associazione Luca Coscioni consegna 25.000 firme a Roberto Fico

il Presidente della Camera Roberto Fico, ha ricevuto nel suo ufficio una delegazione composta da malati e rappresentanti dell'Associazione Luca Coscioni e Radicali Italiani. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 05/10/2019
Marco Cappato: disobbedienza civile con merenda proibita

Il 25 luglio del 2018 la Corte di giustizia dell'Unione europea ha stabilito che le piante ottenute con tecniche di coltura di precisione, come quelle prodotte con le tecniche CRISPR, sono classificate come OGM...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -