Sei nella sezione Battaglie Sociali   -> Categoria:  Diversamente Abili  
Il Governo fa dietro front sui tagli ai disabili. Chi paga il procurato stress?

Il Governo fa dietro front sui tagli ai disabili. Chi paga il procurato stress?
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 16/10/2012

 

Il governo fa dietro front sui tagli ai disabili e portatori di handicap, rispetto alcune misure che erano contenute nella cosiddetta "Legge di stabilità". Nome poco appropriato, almeno alle orecchie dei cittadini, che vorrebbero trovare appunto, una qualche stabilità, e non ricordano che il titolo della Legge è solo il look rinnovato alla vecchia Legge finanziaria. Forse per chi governa, è meglio cambiare il titolo di una Legge e operare tagli aberranti nel nome della presa per i fondelli ai soliti cittadini comuni.
Per i cittadini comuni invece, sarebbe molto meglio che, al di là dei titoli delle normative in vigore, il loro contenuto non fosse sempre e comunque alienante dei diritti umani di ognuno.
Abbiamo creato questa petizione, per bloccare questi obbrobri legislativi, che centinaia e centinaia di persone stanno continuando a firmare e commentare. La gente è terrorizzata. E stufa di essere terrorizzata.
Il fatto che ora abbiano stralciato alcuni punti salienti dei tagli previsti ai disabili e portatori di handicap, non cancella comunque un'onta. L'onta di averci comunque pensato ad operarli, questi tagli. Perché non basta, non è giusto, non è degno proporre cose che a nessuno dovrebbero mai venire in mente nemmeno lontanamente.

Ricorderete come, circa un anno fa, l'allora Ministro dell'Economia Tremonti, pensò bene di agitare le notti ed i giorni di milioni di disabili, proponendo che la misera pensione o assegno di invalidità, fosse erogato a chi minimo avesse una percentuale di invalidità pari all'85% (oggi è al 74%)

Non se ne fece nulla, ma non fu giusto nemmeno allora tormentare milioni di persone che si sarebbero visto cancellare un supporto economico già ridicolo di per sé. Stressare le persone è un reato. Il procurato stress non può passare inosservato né impunito. Lo scrissi in questo mio articolo dove già allora denunciavo il procurato stressa agli invalidi civili.
Sappiate peraltro che il procurato stress si collega al reato di "mobbing". E se lo Stato, attraverso i governi, generano stress continui alla popolazione, in special modo alle fasce ritenute deboli, ebbene questi metodi e queste azioni, vanno denunciati.

Lo fanno. Lo fanno ogni volta che lo decidono. Creano proposte indegne di esseri umani civili. Ed il solo fatto che le propongano, genera da un lato la totale ormai disaffezione dei cittadini nei confronti di ogni istituzione, e dall'altro genera un perenne stato di stress misto a depressione, perché ormai abbiamo capito tutti che tutto ed il contrario di tutto è ormai possibile.

L'instabilità uccide l'uomo. Qualsiasi tipo di instabilità. Sia essa economica, emozionale, organica. Premere costantemente il tasto "on" sullo stress individuale cagiona risultati gravi sulla tranquillità e sulla salute delle persone. Non è possibile far finta di nulla. Non è più accettabile dire ogni volta "beh, l'hanno stralciata questa proposta. Meno male"… Perché se ogni volta un nuovo grave atto vessatorio nei confronti in special modo delle classi con maggior criticità di vita viene comunque proposto, dobbiamo aspettarcene altri ed altri ancora. Ed il livello di stress costante potrà cominciare a mietere vittime inermi.

Disabile o non disabile, ogni essere umano ha innanzitutto il sacrosanto diritto di essere messo nella condizione ottimale di vita e non di sopravvivenza ai limiti del sopportabile. Alienare diritti sociali conquistati a suon di battaglie durate spesso decenni, togliere in un sol colpo piccoli punti di riferimento e di sostegno, cancellare seppur lievi sostegni materiali a chi soffre, non determina altro che una maggior crisi sociale che non può – prima o poi – che sfociare in un enorme sussulto civile.

Oggi che la politica sembra esser stata messa a tappeto, oggi che il vero potere governa l'Italia, oggi che ci è stata svelata la "grande verità" del potere assoluto che se ne stava nascosto dietro a burattini il cui nome di volta in volta è stato Berlusconi, Prodi o l'ennesima pedina che doveva solo rappresentare una recita, oggi più che mai è necessario ed urgente riprendere in mano il filo delle situazioni. Seguire un nuovo percorso di vita sociale. Non rimanere più abbarbicati alle vecchie metodiche di protesta che, palesemente, nessuno più ascolta da anni.

Non dovrà esserci un'"altra volta" una "prossima volta". Non dovrà più verificarsi un caso in cui qualcuno provoca stress a milioni di persone già afflitte di loro per poi ritirare idee viziate solo dalla parola "potere".

Non si deve più dimenticare che il procurato stress/allarme è fonte di disastro. Non più. E' il solo modo oggi, per sperare di emergere dalla follia sociale in cui stiamo vivendo.

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2022 04:23:39

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Diversamente Abili

Autore: Alessandro Dinatolo - Redazione Battaglie Sociali
Data: 03/12/2019
Disabilità: tanta strada da fare per il pieno riconoscimento della sordocecità

La piena attuazione della legge 107/2010, che riconosce la sordocecità come una disabilità unica e specifica e il riconoscimento della LIS e della LIS Tattile sono solo i primi passi in avanti per garantire alle persone sordocieche il diritto all'inclusione

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Civili
Data: 03/12/2019
Giornata Internazionale delle persone disabili: abbattere la disuguaglianza

Si stima che nel nostro Paese ci siano 4.360.000 persone con disabilità[1], ma sono scarsi i servizi a loro dedicati e troppo poche le risorse messe a disposizione, sia a livello locale che nazionale.

Leggi l'articolo

Autore: Fabio Miceli - Redazione Battaglie Sociali
Data: 01/12/2018
Roma: FLASH MOB in vista della Giornata Internazionale delle persone con disabilità

per sensibilizzare la Società sulle tematiche relative alle persone che vivono in condizioni di disabilità ed esortare le Istituzioni ad applicare le normative già esistenti, sviluppare politiche inclusive, promuovere e sostenere iniziative di carattere socioculturale tese al rispetto dei diritti delle persone con disabilità, affinché si giunga al miglioramento delle condizioni di vita di tutti.

Leggi l'articolo

Autore: Fabio Miceli - Redazione Battaglie Sociali
Data: 10/07/2018
Disability Pride - Associazione Coscioni: 'Libero accesso alle cure'

Il 15 luglio sarà il giorno del Disability Pride, la giornata internazionale dedicata all’abbattimento delle barriere che ostacolano la libertà delle persone con disabilità. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -