Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
La Società cambia se cambiano le persone

La Società cambia se cambiano le persone
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 27/01/2013

Quando si parla di "crisi", genericamente ci si riferisce alla crisi economica. Qualcosa di parzialmente tangibile. Parzialmente perché, ad onor del vero, la stessa crisi economica è determinata da criteri spesso intangibili. Si "tocca" la crisi, quando qualcosa nel nostro sistema sociale viene a lacerarsi, come ad esempio la capacità economica di una buona parte dei cittadini di una nazione.

Ovviamente, nei periodi storici maggiormente toccati da una crisi economica, la società civile – pur se con tempistiche diverse – giunge a ribellarsi, affibbiando di volta in volta metodicamente, ogni colpa al "sistema", parola facile dal contenuto complesso, che dovrebbe indicare nella mente di ognuno, il sistema di gestione socio economico e politico del Paese.

Si ottiene così, una reazione comune di sdegno, rabbia e ribellione, che rimangono però invariabilmente statici e sterili, dal momento che la massa non è in grado di comprendere come il cambiamento di sistemi resi ancor più complessi ad esempio, dal livello di corruzione della dirigenza di un Paese, è possibile solo ed esclusivamente attraverso un processo di cambiamento e ripensamento della stessa società civile. Più semplicemente: la Società può cambiare a patto che siano le persone a cambiare.

Purtroppo però, per sua natura e per tradizione storica, l'essere umano è maggiormente abituato a delegare ad altri la conduzione quasi integrale della propria esistenza, cosa che se da un lato rappresenta la normale gestione di nazioni in regime di democrazia o anche in regime di dittatura, dall'altro rappresenta l'ostacolo maggiore ad una reale presa di coscienza della vita di ognuno. Se deleghiamo sempre ad altri la maggior parte degli ambiti sociali della nostra esistenza non possiamo poi sdegnarci se coloro che abbiamo delegato ad oltranza e palesemente hanno profittato di questa delega, possano poi essere di fatto gli stessi a trarci d'impaccio.

Sarebbe come chiedere al proprio assassino di correre a costituirsi e prendere su se stesso ogni responsabilità per ognuno degli errori che abbiamo coscientemente compiuto in vita.

Prendersi la responsabilità di esistere, è alla base di ogni esistenza cosciente. Ciò presuppone la grande capacità di esistere piuttosto che coesistere in un macro sistema. Esistere è altro dal coesistere. Si può normalmente esistere in un macro sistema pur esistendo malgrado esso. L'individuo è tale nel momento in cui riconosce la propria unicità. Contrariamente, è solo un granello in un macro sistema che, ovviamente, tende ad abbattere il criterio stesso di individuo.

Ciò non significa che dobbiamo mirare ad un maggior individualismo, che ritengo colpevole di molti degli sfasci socio relazionali che viviamo attualmente e che vanno a collocarsi fra le modalità da ripensare al fine di riottenere un sistema sociale vivibile e condivisibile.

Significa semmai, rendersi liberi dal concetto di controllo e gestione esterna al nostro stesso esistere. Se Io sono cosciente della mia esistenza, farò in modo che la mia esistenza venga innanzitutto rispettata da me stesso e, a cascata, da tutto il macro cosmo che mi circonda e mi fa esistere.

Scagliarsi quindi incoerentemente contro coloro che sfasciano l'esistenza, sia essa individuale o di comunità, è del tutto inutile oltre che dannoso ad un reale processo di cambiamento dell'intera società civile.

Ripeto: per cambiare la Società, è necessario che cambino le persone.

Cambiare, significa intanto prendersi la responsabilità di esistere non solo in qualità di essere umano ma anche e soprattutto come elemento di una comunità estesa. Se io cittadino esisto ma coesisto all'interno della macro comunità, devo essere responsabile per me stesso ma anche per i miei concittadini connazionali. Ecco che i miei comportamenti ma anche e soprattutto la mia visione delle cose, si renderà tangibile e proattiva, contrariamente alla metodica del delegare, compreso il delegare le colpe ed i danni sofferti.

Il fatto che questo appaia essere un concetto visionario ed in qualche modo rivoluzionario, la dice lunga sul livello di anormalità sociale in cui siamo caduti. Per la maggior parte dei cittadini di una nazione come l'Italia infatti, prendere coscienza della propria responsabilità di esistere e di essere contemporaneamente cittadini che possano determinare fattivamente un cambiamento socio politico è quasi folle.

A parole, i dibattiti fra cittadini comuni parlano di questo. Ma nei fatti, nulla di questo accade.

Non accade (non inizia ad accadere) perché fondamentalmente un grande cambiamento – che parte dal profondo della mente di ognuno – presuppone uno sforzo enorme che non è tangibile nell'immediato e di conseguenza non viene preso in considerazione da una massa abituata ormai ad essere condotta piuttosto che a condursi.

Meglio il meno peggio subito (…) che il molto meglio domani, è la risposta silenziosa ma unanime della nazione. Risposta le cui conseguenze sono sempre le stesse: il cittadino rigetta in qualche modo la propria scelta sapendo nel profondo essere la scelta peggiore. Una reale discrasia se si pensa che questa attitudine mentale, blocca completamente l'azione. E rende impossibile la risoluzione dell'ormai secolare domanda: "Come uscire dal giogo del sistema"? La risposta forse è troppo ovvia per poter esser presa in considerazione: dal sistema – quando esso sia da rinnegare collettivamente – si esce volendolo. Collettivamente.

Abituati ormai a considerare tutto in una forma resa difficile non dai fatti ma dalle opinioni, ecco che ci ritroviamo legati al nostro stesso terrore di restare vittime, senza capire fino in fondo di cosa e di chi.

Accettare di liberarsi dalla prigionia dei nostri convincimenti è il primo passo per cambiare come persone e come sistema sociale.

La Società cambierà non appena le persone accetteranno di cambiare. E non una per volta, ma collettivamente. Perché in collettività si vive e collettivamente è necessario mutare per riemergere, insieme, dal terrore del cambiamento ad un sistema migliorativo che non lasci dubbi, per una volta, sulla condivisibilità dei modi e dei metodi. Come sempre, sta ad ognuno di noi accettare il cambiamento. Per tutti.

Licenza Creative Commons
La Società cambia se cambiano le persone by http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2473 is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 05/02/2023 14:18:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -