Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
L’Italia è una Repubblica (s)fondata sull’alienazione dei diritti civili

L’Italia è una Repubblica (s)fondata sull’alienazione dei diritti civili
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 06/04/2013

 

Repubblica . L'Italia è una Repubblica. Che sarà mai questa Repubblica, che significa, cos'è, a che serve? La Repubblica – dal Latino "Res Publica" = Cosa Pubblica – è la forma di Governo scelta dallo Stato italiano in Illo tempore.

La "Cosa pubblica" quindi, è tutto ciò che ci appartiene in ordine di diritti, doveri, organizzazioni sociali, economiche, politiche. E' la Cosa nostra. Bel distinta per concetto a quell'altra Cosa Nostra che nessuno ambirebbe avere al Governo eppure, bizzarro pensare che Repubblica sia Cosa Pubblica e Cosa Nostra e che la Mafia per antonomasia sia appellata come Cosa Nostra

A quanto pare, quando si tratta di cose pubbliche diventano non più cose di tutti e per tutti ma solo cose di qualcun altro fino a giungere alla complessità di azioni e metodi che giungono a privare i quasi tutti di qualsiasi cosa sia fondamentale all'esistenza.

La Cosa Pubblica in Italia è diventata Cosa Loro. Casa Nostra è diventata Casa Loro. CasaLeggio…(No, non ci azzecca niente: quella è "Casa Gaia" ma il mondo lo scoprirà probabilmente nel 2046 ammesso che il pianeta non imploda prima…)

Tornando al tema: "chissà perché" i padri costituenti pensa che ti ripensa, sognarono di creare una Repubblica fondata su: lavoro, libertà, dignità, diritti e pure qualche dovere/diritto. Chissà…

Forse perché sapevano che una nazione salda, equilibrata, in evoluzione sociale ed economica non poteva prescindere da questi criteri basilari? Forse perché, avendo ancora nelle orecchie e negli occhi i rumori e le visioni di una guerra che tutto aveva distrutto, sapevano che per ricostruire bisognava sostenere Diritti inalienabili che compiono poi quel miracolo chiamato "sviluppo" che fa bene a tutti: cittadini, Istituzioni, equilibri internazionali…

Dal 1946 ad oggi, del sogno iniziale dei nostri padri costituenti, abbiamo vissuto solo la distruzione.

Come ogni grande Riforma, essa non solo non è mai stata avviata realmente ma ha costretto tutti a sopportare l'alienazione di ciò che all'atto pratico abbiamo potuto solo leggere – nella migliore delle ipotesi – su un libretto chiamato "Costituzione Italiana".

Siamo onesti : quando mai la nostra nazione si è davvero fondata sul lavoro, la dignità, l'equità e la libertà individuale? Quando ricordate di poter raccontare di un periodo storico che nel nostro paese non parli di cittadini succubi, istituzioni corrotte, alienazione dei diritti fondamentali e tutto l'armamentario che ci ha portato a questo ambiguo capitolo finale (si spera…)

Mai.

Abbiamo solo parlato, e parlato e parlato…Di dignità, democrazia, diritti

Ma parlandone, abbiamo perso il senso della realtà, come sempre accade quando di certi criteri e temi si parla fino a straparlarne.

Oggi, non possiamo che arrenderci di fronte all'evidenza: l'Italia è (s)fondata sulla corruzione, l'alienazione dei diritti civili, la non messa in pratica di uno solo degli articoli di quel sogno mai concretizzato chiamato Costituzione Italiana.

Se fosse diversamente, non avremmo persone che si suicidano per dignità. Oscena e perversa sentenza di accusa per tutti i personaggi che fino ad oggi e nei decenni hanno affollato inutilmente – per la cittadinanza – quegli ambienti che dovevano essere fucine di progetti a sostegno dei diritti che pensavamo e consideravamo fossero davvero inalienabili.

Quando in un paese fallito le istituzioni invece di sospendere per un periodo, ad esempio l'invio delle bollette delle utenze fondamentali o quello osceno davvero delle cartelle più o meno pazze di Equitalia almeno ai cittadini di fascia debole mentre gli stessi personaggi istituzionali fanno melina sul da farsi sulle troppe oscene agevolazioni di cui usufruiscono, sul non concederci nemmeno più il diritto al loro dovere di formare un Governo magari pure degno – finalmente – di questo nome, sia chiaro a tutti che dei cittadini, dei loro diritti e della loro cita a "loro" non frega niente. Non è mai fregato niente.

A questo punto però, continuare ad attendere che il peggior nemico della popolazione tragga tutti fuori dai guai è perverso: è la popolazione che, con uno scatto di dignità deve comprendere che non ci sarà soluzione alla tragedia già in atto fino a quando non saremo noi a dettare regole.

E le regole si dettano solo se si recupera una capacità: quella di unirsi da Nord a Sud, da cittadini convinti che la vita di ognuno ha un valore altissimo e che solo insieme, compatti e convinti, si potrà chiedere a gran voce a chi ha sbagliato di andarsene, a chi chiede ancora il sangue attraverso denaro che non c'è più di smetterla di vessare la popolazione e trovare in altro modo le risorse spesso rubate in maniera aberrante e a chi pensa che "un mese in più uno in meno" in questa situazione di alta gravità, sia lo stesso, di tornare a casa propria invece di giovare al deputato

L'italia ha un'urgenza, prioritaria su tutte: i cittadini che si sveglino da un torpore che minaccia la vita di tutti. Solo dopo il risveglio collettivo, potremo parlare di Riformare il sistema. Solo dopo…

Creative Commons License
L'Italia è una Repubblica (s)fondata sull'alienazione dei diritti civili by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Based on a work at http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2562.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/06/2024 18:27:32

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -