Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Europa, avamposto militare degli USA

Europa, avamposto militare degli USA
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/07/2015

Una proposta giunta in queste ore dal Ministro Madia, fa riflettere su come l’Italia e l’Europa si stiano velocemente uniformando agli USA, sia per ciò che riguarda il tessuto socio politico sia per quanto concerne un nuovo trend, sconosciuto negli ultimi decenni dell’Europa non belligerante, che ci fa apparire neo guerrafondai in perfetto stile USA.

La proposta della Madia, intende diversificare nettamente le persone, in special modo giovani, laureate a seconda dell’ateneo di appartenenza. In pratica la Madia propone che, quando viene effettuata una selezione per un posto di lavoro nella pubblica amministrazione, sia tenuto in buona considerazione il nome dell’Ateneo in cui il candidato si è laureato. Ciò significa che, se sei figlio di genitori benestanti e puoi sfoderare un pezzo di carta griffato Bocconi o Luiss, hai le porte spalancate. Se sei uno sfigato ed è già tanto se la tua famiglia ha potuto sostenere i tuoi studi universitari in uno dei tanti atenei meno ambiti sul territorio nazionale, sarai “scremato” o meglio, avverrà la selezione della specie.

Nelle specie animali, la selezione giova a mantenere in vita una tipologia di animale. Nella specie umana, si chiama “discriminazione sociale”. Tutta targata pseudo centro sinistra.

Sono strategie che, goccia dopo goccia, proposta dopo proposta, Legge dopo Legge, ci stanno uniformando quanto più possibile a quella che è una realtà extraeuropea che, di fatto, è l’unica potenza mondiale che dirige le danze in tutto il mondo occidentale e continua a guerreggiare con buona parte del mondo orientale.

I “democratici” States, quelli che detengono il copyright delle “guerre di pace”, quelli che mentre sono in guerra contro mezzo mondo si aggiudicano il Nobel per la pace, quelli che hanno creato la prigione di Guantanamo, un territorio fantasma sull’Isola di Cuba, dove vengono testate le peggiori pratiche di tortura con la scusa di sconfiggere il fantasma di un terrorismo internazionale che non si capisce più a chi faccia capo, quelli insomma che dietro la facciata liberal democratica sconvolgono da oltre un secolo la vita delle popolazioni, ci stanno imponendo di piegarci totalmente ai propri diktat e lo fanno, facendo credere a tutti che queste imposizioni, per quanto riguarda noi, ci giungano dall’Europa.

L’Europa, come gli Stati Uniti, è una fittizia unione di Stati. Gli Stati membri europei sono uniti solo sulla carta, esattamente come accade negli USA. 28 Stati membri in Europa, con 28 diverse regolamentazioni legislative interne, diverse tipologie di governo, in alcuni casi diverso sistema economico e di valuta.

50 Stati in territorio statunitense, dissimili fra loro per le stesse ragioni appena descritte. In alcuni Stati USA vige ad esempio la pena di morte. In altri è illegale la detenzione di armi per uso personale. E così via.

L’unione, in casi come gli USA o l’Europa, serve strategicamente ad avere un territorio maggiormente diffuso. Nient’altro. E’ come rimarcare la propria potenza mostrando la grande diffusione territoriale. Per il resto, di unito rimane poco.

E’ invece unificato il potere. Che resta ormai da tempo immemore nelle mani dell’egemone USA.

Un potere che ha radici antiche, che si fonda su lobby d’incredibile potenza che hanno nomi che ormai sono entrati a far parte del quotidiano della gente comune, come Bilderberg Group o Trilateral o CFR o Club di Roma.

Pensate per caso che il Presidente statunitense, in questo caso Obama, venga spesso a trovarci in Europa e faccia anche il giro degli Stati europei, per pura simpatia o affetto nei nostri confronti? No. Viene, vede, verifica, propone e impone. Cosa? Regole. Acquisto di armamenti. Strategie militari. Strategie economiche e politiche.

Si sappia ad esempio, che la Grecia di cui tanto si sta parlando per il ventilato default che si attende ormai avvenga da cinque anni ma che probabilmente non avverrà per i motivi che ho spiegato in questo mio editoriale, ha subito l’imposizione dell’acquisto di grandi quantità di armamenti proprio negli anni di maggior crisi politica ed economica. Esattamente la stessa cosa imposta all’Italia, e non si parla solo dei famigerati F35 ma anche di cannoni semoventi e di Gulfstream, le “Ferrari del cielo”, Jet militari di ultimissima generazione made in USA. Non basta. In Europa abbiamo dovuto approvvigionarci anche di altri giocattoli mortali come navi da guerra, sottomarini e satelliti spia. Manco dovessimo dichiarare guerra al resto del mondo.

Parallelamente, gli USA hanno calato di molto le spese per acquisti bellici. Un risparmio notevole, pari a 150 miliardi. D’altronde la convenienza è far armare gli Stati più vicini ai nemici americani piuttosto che armare i lontani Stati Uniti. Strategia militare ed economica, che accresce ancor più il potere unipolare d’oltreoceano.

Così, noi in Europa ci indebitiamo e facciamo la parte di quelli che non sanno gestirsi economicamente e politicamente, e gli USA, che hanno tutto l’interesse di farci diventare l’avamposto belligerante grazie o a causa della nostra invidiabile posizione territoriale che si affaccia tutta sui “nemici degli USA”, fanno la parte della potenza unica mondiale.

Allo stesso tempo, febbrili trattative sono in corso fra USA ed Europa per ciò che riguarda la minaccia nucleare russa. Putin ha un consistente numero di armi nucleari e uno dei più grandi desideri degli USA sarebbe quello di usare alcune ppsizioni strategiche del continente europeo per piazzarci la controffensiva nucleare da usare contro Putin se la situazione dovesse precipitare. Questo è ancora un grande punto a nostro favore. Abbiamo nelle mani un valore molto alto per continuare ad avere ampi margini di contrattazione con la potenza statunitense che sa di non poterci imporre più di tanto il suo potere. E’ il gioco politico e militare degli equilibri.

In tutto ciò, oggetto di tutti questi movimenti e strategie, è il potere economico e politico che consente di continuare a vincere a una sola potenza il terzo conflitto mondiale che è in atto da circa 10 anni ma che essendo in buon parte intangibile, non solleva l’interesse generale delle popolazioni, abituate a dichiarazioni di guerra con tanto di accordi da firmare e comunicazioni ufficiali.

Purtroppo, pur essendo un conflitto mondiale intangibile, ciò non significa che si evitino vittime umane, che non sono quantificabili dal momento che oggi si muore di crisi, di negazione dei diritti umani, di dissesto sociale, di suicidio per fallimento d’impresa, per cure sanitarie negate.

Chi può tenere un conto simile costantemente aggiornato? Come addossare ufficialmente queste vittime a un conflitto mondiale intangibile? Hanno vinto in ogni caso. Sulle popolazioni. E’ cambiato poco per le vittime, malgrado le armi oggi siano diverse. La propaganda europea continuerà a far credere alle popolazioni degli Stati membri che i diktat giungono da Bruxelles e intanto persino Tsipras è una pedina nello scacchiere della grande terza guerra mondiale intangibile dichiarata dagli USA al mondo intero. Avamposto militare degli USA siamo e resteremo. A meno che, le trattative convergano tutte verso la Russia, ma non vi sono troppi elementi che lo facciano anche solo dubitare. E nemmeno motivi che possano far pensare che sarebbe la scelta migliore. Siamo fra l’incudine e il martello e in ogni caso, caschiamo male.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/06/2024 17:13:23

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -