Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
La vera Democrazia inizia con la riforma dell 'art. 92 della Costituzione

La vera Democrazia inizia con la riforma dell 'art. 92 della Costituzione
Autore: Il DIrettore: Emilia Urso Anfuso
Data: 11/07/2015

Siamo all’ennesimo esempio di governo che, invece di mettere in atto politiche nazionali in grado di sostenere il rilancio dell’economia interna del paese, con conseguenti reazioni positive nella quotidianità di milioni di famiglie italiane, non fa che depredare diritti civili, contrabbandandoli per “eccezionali riforme del sistema Italia”.

Solo chi non ha alcuna intenzione di vedere, leggere e udire, può non accorgersi di quanto stia accadendo. L’attuale governo poi, ha tutti i sintomi del mal governo, arrivando anche al palesarsi di inciuci pre-nomina di Matteo Renzi a premier, dopo la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche che stiamo diffondendo in queste ore, e che spiegano con molta chiarezza i giochi di potere che sono alla base di un sistema politico che non si fonda certo sulla trasparenza.

Il Partito Democratico ha chiarito coi fatti che di “democratico” in Italia esiste solo il termine che compare nel logo del partito. Ogni azione, ogni decisione, ogni legge partoriti da questo governo, sono l’ostentazione di una volontà ferrea ad abbattere quanto più possibile, il criterio di Democrazia e Diritti umani. Come diceva Montanelli: “La Sinistra ama talmente i poveri che ad ogni governo li triplica”. Renzi è la ciliegia sulla torta di questo criterio. Non lui ma tutto ciò che gli ruota intorno e che muove i suoi fili. I veri potenti, quelli che non compaiono mai in tv ma decidono le sorti di ogni singolo cittadino comune.

In questo periodo, sono molte le persone che si chiedono “Chi ci toccherà dopo Renzi”? Basta fare un giro sui Social Network per verificare come questo sia un pensiero ricorrente del cittadino italiano medio.

A mio avviso, la domanda da porsi sarebbe un’altra: come evitare che ci facciano nuovamente subire un premier nominato dal Presidente della Repubblica del momento e quindi, non avere alcuna voce in capitolo nella scelta del Presidente del Consiglio?

La risposta la trovate nell’art. 92 della nostra Costituzione, o meglio: la trovereste nella riforma di questo articolo, che attualmente recita:

“Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri.

Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri”.

Molti italiani pensano che il Presidente del Consiglio venga “eletto” dai cittadini, e fanno un errore sostanziale, in quanto – semmai – viene nominato dal Presidente un politico che dovrebbe essere fra i più votati dai cittadini e questo potrebbe in qualche modo determinare una sorta di criterio democratico, ma così non è.

La nomina avviene su disposizione del Presidente della Repubblica che non valuta certamente le percentuali più o meno reali di affezione dell’elettorato a un politico piuttosto che a un altro. Non possiamo poi dimenticare gli scandali legati alle "primarie" del Partito Democratico, con le migliaia di voti prodotti da extracomunitari pagati pochi euro per adempiere a un compito che nemmeno capivano...

Sono decisioni prese a tavolino e sempre per mettere in atto un disegno politico che ha un quadro molto più grande alle spalle e che parla di politica nazionale e internazionale. Se pensate che la nomina del nostro Presidente del Consiglio sia solo un affare nazionale, vi sbagliate di grosso.

Ogni decisione importante per una nazione, passa al vaglio della politica internazionale. Europea in primis nel nostro caso, ma anche internazionale. Troppi interessi scorrono attraverso la geopolitica, termine oggi molto in uso fra i politicanti nazionali.

Un termine che ha molti significati e che ancor oggi non ha una determinazione assoluta.  Yves Lacoste, geografo francese esperto di problemi del Terzo Mondo e di geopolitica, ci da questa interpretazione: "Viene considerata geopolitica quella situazione nella quale due o più attori politici si contendono un territorio. In questo contendere, le popolazioni che abitano il territorio conteso, o che sono rappresentate dagli attori che se lo contendono, devono essere coinvolte in questo conflitto attraverso l'uso degli strumenti di comunicazione di massa". (Fonte Wikipedia)

Credo sia la definizione più pertinente del termine.

Tornando all’art. 92 della nostra Costituzione, solo una sua completa riforma ridarebbe sovranità al popolo italiano. Se solo si permettesse alla popolazione di scegliere il massimo rappresentante politico del territorio in cui vive, ecco che si porrebbe il primo passo nel percorso di realizzazione di un sistema realmente basato sui criteri della Democrazia.

Invece, stanno attuando riforme costituzionali laddove esse giovano solo a mietere vittime civili, privandole per sempre delle fondamentali regole di Diritto inalienabile nei confronti degli esseri umani.

Il problema di fondo, è che la maggior parte dei cittadini italiani continua a considerare “normale” il fatto che le scelte importanti per la nazione, e di conseguenza per la vita dei cittadini, vengano prese senza alcuna partecipazione civile.  Salvo poi imprecare ogni qualvolta queste imposizioni si abbattono sullo stato di benessere generale del paese.

Fondamentale sarebbe l’azione collettiva popolare su un tema del genere, eppure pochi si rendono conto dell’importanza di questi criteri che dovrebbero davvero portare la gente nelle piazze a manifestare scontento e a chiedere fermamente una revisione di tutte le norme che, di fatto, impediscono la realizzazione della Democrazia che, solo sulla carta, è il regime scelto dalla nostra Repubblica.

Purtroppo, bisogna ancora una volta considerare che uno dei più grandi successi dei governi degli ultimi decenni, è l’abbattimento metodico del livello culturale nazionale, operato chirurgicamente attraverso azioni sempre più mirate e precise.

Tutto ciò, sta dando i suoi frutti: la maggior parte degli italiani continuano a pensare di non aver diritto ad aver voce in capitolo sulla propria esistenza. Si lamentano, ma seguono gli ordini e le imposizioni. Spesso è inutile persino tentare di spiegare.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 





Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/06/2024 18:10:28

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -