Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
L' unica grande opera da realizzare: la messa in sicurezza del territorio

L' unica grande opera da realizzare: la messa in sicurezza del territorio
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 29/10/2016

Quando si parla di “grandi opere”, la mente vola subito a imprese più o meno faraoniche, molto propagandate ma mai – di fatto – realizzate. Una per tutte, nel nostro paese: il ponte sullo stretto di Messina, tormento degli italiani e delizia della politica, che ne sfrutta il fantasma ogni qualvolta è necessario pasturare la popolazione con qualche promessa di "nuovi posti di lavoro" o di sviluppo economico per l’intera nazione.

Pensate che, l’idea di unire l’Italia alla Sicilia, piaceva assai persino nell’antica Roma, il cui impero e intelletto, giunsero a realizzare una vera “grande opera”: unirono – narrava Plinio il vecchio – le due sponde, mettendo in fila botti e zattere.

A volere la congiunzione delle due sponde,  nel 251 a.C. il console Lucio Cecilio Metello, che strategicamente riuscì in tal modo, a far transitare ben 140 elefanti letteralmente rubati ai Cartaginesi, durante la battaglia di Palermo.

Il progetto incredibilmente riuscì, ma furono costretti a rinunciarvi, dal momento che il ponte galleggiante, era da ostacolo al transito delle imbarcazioni.

Col passare dei secoli, l’idea fu più volte accarezzata ma mai realizzata, per giungere al primo vero progetto, datato 1870: non un ponte aereo, ma un tunnel.

Insomma, come avete letto, quella del ponte o del tunnel da realizzare per unire l’Italia, non è cosa dei tempi moderni ed è una parabola di come, alla fine, di unire davvero l’Italia nessuno ha mai avuto voglia veramente. Tanto che, i vari progetti – anche solo immaginati – di erigere un ponte o scavare un tunnel per collegare Italia e Sicilia, restano ancora un grande nulla di fatto, che però divide assai la popolazione, tra chi lo vorrebbe immediatamente e chi no.

Ora: avete idea di quanto ci costi, ad oggi, la promessa di realizzare il ponte sullo stretto di Messina? Circa un miliardo e duecento milioni di euro. 1.200.000.000 di euro. Sì, avete letto bene.

La promessa, propagandata da 50 anni, di realizzare questo eco mostro lungo circa 3.300 metri, in una delle zone a più alto rischio sismico della nazione, ci costa un miliardo e passa, senza che mai si sia realizzato altro che…promesse su promesse.

Vi chiederete: a cosa dobbiamo questo enorme sciupio di denaro? Ebbene: 383 milioni, è il costo – totalmente inutile – per sostenere le spese di gestione della società “Stretto di Messina s.p.a.” - in liquidazione dal 2015 -  la cui titolarità è di ANAS e ben 790 milioni di penali che, le aziende che si erano aggiudicate i vari appalti, chiedono allo Stato italiano, per inadempienza contrattuale.

Alla luce di tutto ciò, è d’obbligo una riflessione: con tutto questo denaro, i vari governi che si sono succeduti negli ultimi 30 anni, avrebbero o no potuto realizzare almeno l’inizio di una vera e grande opera, che si chiama “messa in sicurezza del territorio”?

Mi rendo conto che, i lavori di messa in sicurezza di una nazione ad alto rischio sismico com’è l’Italia, passano inosservati rispetto alle faraoniche promesse mai mantenute, ma oggi come oggi, l’intera popolazione, non avrebbe forse plaudito all’unica grande opera realmente urgente e necessaria, che avrebbe con molta probabilità salvato un mucchio di vite e mantenuto in piedi migliaia di caseggiati e chiese e opere d’arte?

Purtroppo però, si continua – da parte della componente politica – a preferire la via della Comunicazione di massa, che ancor oggi funziona e rende. E tutto ciò è possibile, anche grazie a un grande complice: parte della popolazione italiana. Sono coloro che credono davvero che una vacua promessa possa ristabilire benessere economico, e continuano a sognare, mentre i posti di lavoro – a migliaia! – paventati, non ci saranno mai, così come non verrà mai realizzato alcun ponte e tanto meno, le opere ormai urgentissime, di messa in sicurezza del territorio.

Dal canto loro, i politici di turno, continueranno a dichiarare a pappagallo frasi del tipo: “Nessun terremotato sarà lasciato solo”, mentre fa i conti di quanto si potrà tirar su a suon di appalti e subappalti e finanziamenti europei e deroghe al deficit dei bilanci pubblici.

Lo so, non serve a nulla, ma lo faccio lo stesso: appello alla politica. Realizzate l’unica grande opera che serve davvero alla popolazione: mettete in sicurezza il territorio. Operate, per una volta, per il bene della nazione e della popolazione che la abita. Magari scoprirete che, facendolo, rischiereste di esser ricordati, benvoluti e acclamati, invece di continuare a esser considerati il male di ogni cosa. Pensateci, prima del prossimo terremoto…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 05/02/2023 15:19:19

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -