Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Reddito di cittadinanza: una cagata pazzesca

Reddito di cittadinanza: una cagata pazzesca
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/04/2019 06:37:41

Ora che i giochi sono praticamente fatti, si iniziano a delineare le criticità sul reddito di cittadinanza. L’unica persona a cantare vittoria è il neo presidente dell’INPS – Pasquale Tridico – che ne è anche l’ispiratore.

Tridico, dal suo punto di vista, ritiene essere un successo il fatto che siano state presentate 900.000 domande. Non accenna però al fatto che le domande bocciate rappresentino il 25% del totale e nemmeno che i destinatari effettivi del sussidio non saranno superiori ai 675.000 nuclei familiari.

A suo parere, peraltro, rappresenterebbe un successo anche il fatto che saranno risparmiati un bel po’ di euro, si parla da uno a due miliardi se non addirittura di più.

Insomma: l’insuccesso presentato come successo. Metodo ormai utilizzato da chi non intende ammettere di aver sbagliato e perso.

E' bene, infatti, considerare una cosa: se viene stanziata una cifra per un provvedimento a sostegno del reddito, e questa cifra è superiore alle previsioni di chi ha varato la misura in questione, il fallimento è dato proprio dal fatto che non si è stati in grado di valutare attentamente, e preventivamente, i costi reali di quella che fu presentata come “La soluzione alla povertà”.

Non basta: quando fu approvato il DEF, l’Italia ha subito uno scossone non di poco conto, perché l’aver deciso di aumentare il debito per far cassa non ha certo fatto del bene – in senso generale – all’immagine della nazione, alla stabilità dei conti, alla tenuta entro limiti accettabili dello spread.

Ovviamente non è tutto. Al di là degli aspetti economici della questione, bisogna valutare l’impatto che l’avvio del sussidio di cittadinanza sta avendo su coloro che sono rientrati tra i beneficiari.

Di Maio e Tridico non hanno mai spiegato bene il funzionamento del sussidio, limitandosi a sparare a spron battuto dichiarazioni-mantra che hanno fatto ritenere, a molti, che la cifra sarebbe stata quella promessa: 780 euro.

Nossignori: è necessario stabilire i redditi dell’intero nucleo familiare e non del singolo richiedente, e a parte questo, eventuali altri sostegni economici – come Naspi e assegni di invalidità – vengono sottratti dalla cifra massima. Di conseguenza, ciò che sta accadendo, è che molti – forniti già di card magnetica su cui saranno versati gli oboli di Stato – non riceveranno la cifra dichiarata, ma il conguaglio tra ciò che già si percepisce e la cifra massima di 780 euro. Secondo dati diffusi dall'INPS il 7,4%, percepirà tra 40-50 euro, per il 71% l’importo sarà dai 300 euro in su e il 5,4% oltre i 1.000 euro.

Su 472.970 domande accolte, per 61mila destinatari l’importo arriva a malapena a 100 euro, altri 40mila circa percepiranno tra 100 e 200 euro mensili, e altri 34mila incasseranno tra i 200 e i 300 euro. Hanno cancellato la povertà? No. Hanno turlupinato chi ci ha creduto alle promesse elettorali.

Perché queste cifre? Un esempio esplicativo: se chi ha chiesto il reddito di cittadinanza, ha nel nucleo familiare una persona disabile che percepisce l’assegno di invalidità, un altro componente è destinatario di Naspi, ecco che l’importo che sarà assegnato non arriverà mai agli agognati 780 euro, ma all’importo detratto degli altri sussidi che si ricevono. In estrema sintesi: si riceve l’integrazione fino a raggiungere la somma spettante di reddito di cittadinanza, calcolato sui redditi e sugli altri parametri e criteri stabiliti per legge. Il sussidio, infatti, viene corrisposto al nucleo familiare, non al richiedente.

Mi auguro che sia ormai chiaro a tutti: nessuno ha ancora scovato la “soluzione alla povertà” e nemmeno quella per sconfiggere la disoccupazione. Si chiama propaganda politica, e funziona da sempre alla stessa maniera: si promette qualcosa che si sa bene di non poter realizzare. I cittadini, stufi di una situazione ormai aberrante, cadono affascinanti dalla speranza che giunga una soluzione alle problematiche che li assillano.

Si realizza la promessa tanto sbandierata, si scopre che era una cagata pazzescavolendo citare una frase di Fantozzi...

Capita da tempo immemore. La cosa importante: imparare dalle esperienze. Altrimenti questo giro vizioso non sarà mai sospeso, e a subirne le conseguenze saranno sempre i contribuenti.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 


L'articolo ha ricevuto 2752 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
"nessuno ha ancora scovato la “soluzione alla povertà e nemmeno quella per sconfiggere la disoccupazione(...)" ... Queste sono sacrosante verità e, se qualcuno le avesse propagandate (escludiamo la campagna elettorale che in Italia con il supporto dei media-show è "da sempre" condotta in questo modo?) bisognerebbe non votarlo più ma... poi, in Italia, politicamente, che rimane? Chi? Del resto penso che se tolte di mezzo le affermazioni che non avremmo dovuto mai accettare... bhè... mi pare ovvio -IMHO- che si debba parlare di "nucleo fam." se no... sai che "giuochetti all'italiana"? E poi, mai erano sttai contati a netto "780" euro ma, "500" + 280 oppure +150 per sostegno affitto/mutuo. Cagata? Mi guarderei da dire così... a molte famiglie che erano prima sul LASTRICO, ora qualche piccolo segnale c'è. Il Lavoro? C'è sempre stato dalla DC al Forza Italia e passando per il PSI. C'è anche ora per chi se lo sa' inventare: come? Guardiamo indietro e non per forza avanti. Un saluto e... commentate!
Commento di: Lucaa Ip:151.51.248.217 Voto: 10 Data 26/04/2019 09:36:31

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2019 08:06:15
L’abitudine al degrado ha fatto crollare l'Italia

Qualcosa di molto grave accade da anni, e questo qualcosa non permetterà, al nostro paese, di risollevarsi dai disastri operati dalle cattive politiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni: l’abitudine al degrado.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 22/06/2019 07:25:22
Parità scolastica: in Italia resta un miraggio

Permettere anche ai meno abbienti di formarsi attraverso la formazione privata e riconosciuta dallo Stato, che offre migliori servizi e maggiore qualità, è certamente uno degli elementi fondamentali di una vera democrazia. 

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/06/2019 07:08:16
Ci stanno ingabbiando nel nome della Democrazia

La capacità economica della classe media, in qualsiasi nazione, è stata abbattuta notevolmente e non sembra arrestarsi la china intrapresa. Il lavoro è stato reso un onere da vivere pur di campare, ma male. Oltre la metà di quanto si guadagna è assorbito - in un paese come l’Italia – dalle imposte sul lavoro. Si fatica oltre sei mesi l’anno facendo volontariato. Per lo Stato.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 07/06/2019 07:05:45
Notizie: c’è penuria di quelle buone

Ogni santo giorno, dalla lettura della prima rassegna stampa al mattino e fino a tarda sera, non c’è modo di scovare qualcosa di positivo, positivo davvero intendo, per ciò che riguardi la politica nazionale e internazionale, il clima e l’ambiente, l’economia e la cronaca.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -