Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Ambiente  
Cambiamento climatico: tra confusione e scetticismo

Cambiamento climatico: tra confusione e scetticismo
Autore: Nathalie Mayer - Redazione Scientifica
Data: 21/12/2019

All'inizio di novembre, Donald Trump ha confermato il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo di Parigi. La scorsa settimana, il Parlamento europeo ha dichiarato, nel frattempo, l'emergenza climatica e ambientale. Tutto mentre la COP 25 è in corso a Madrid (Spagna). Ma qual è l'opinione pubblica sul clima? Questa è la domanda che EDF(Électricité de France) ha posto come uno dei principali attori nel settore energetico in tutto il mondo.

Per avere un'idea della risposta e supportare meglio l'impegno delle popolazioni, il gruppo EDF ha collaborato con professionisti dell'istituto Ipsos. E mercoledì 27 novembre sono stati pubblicati i risultati di uno studio senza precedenti sulla percezione dei cambiamenti climatici in 30 Paesi: l'Osservatorio internazionale sul clima e l'opinione pubblica o Obs'COP 2019, come è stato nominato.

Cambiamenti climatici: scetticismo e confusione

Prima lezione: in termini di ambiente, non è il cambiamento climatico a venire prima, ma la questione dell'inquinamento in senso lato. Quindi, sul podio delle preoccupazioni globali, vi sono, in questo ordine, l'accumulo di rifiuti, l'inquinamento atmosferico e i cambiamenti climatici. Quest'ultimo arriva quindi solo in terza posizione, preoccupando il 40% degli intervistati.

D'altra parte, sembra che la realtà del cambiamento climatico sia ora messa in discussione solo da meno del 10% degli intervistati, quasi il 20% negli Stati Uniti. Sebbene il 23% dubiti ancora della responsabilità dell'essere umano in questa materia. Questi dubbi appaiono più marcatamente nei Paesi che emettono più CO2, come l'Arabia Saudita, gli Stati Uniti e la Cina.

Precisamente, la maggior parte dei partecipanti all'indagine - il 61% per l'esattezza - identifica chiaramente le emissioni di gas serra come responsabili dei cambiamenti climatici. Ma rimane ancora il 30% a credere in un fenomeno naturale. E quando si tratta di identificare i settori che emettono più CO2, pensano soprattutto all'industria e ai trasporti. Mentre la produzione di elettricità - citata solo dal 59% degli intervistati - emette, da sola, un quarto dei gas serra che si trovano nell'atmosfera.

Alcune idee per COP 25

Mentre la COP 25 è in pieno svolgimento, Obs'COP 2019 evidenzia anche che nella lotta ai cambiamenti climatici, il 70% degli intervistati ritiene che i governi debbano essere i primi ad agire. Anche se oggi sono prima di tutto gli scienziati, e le ONG - rispettivamente per il 71% e il 60% dei partecipanti al sondaggio - che sono percepite come realmente attive.

Lungi dal contare sulle innovazioni per risolvere il problema, gli intervistati sembrano essere consapevoli che la lotta ai cambiamenti climatici richiede innanzitutto un'evoluzione degli stili di vita. Anche se gli obiettivi - selezione dei rifiuti, consumo stagionale di frutta e verdura - potrebbero non essere quelli identificati come i più efficaci - limitare il riscaldamento, il raffreddamento e lo spostamento. Infine, le soluzioni considerate più accettabili includono l'uso di energie rinnovabili e l'isolamento delle case rispettivamente per l'87% e per il 63% degli intervistati.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/04/2024 18:30:38

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Ambiente

Autore: Francesca Pieri - Redazione Scientifica
Data: 02/12/2019
Al via la terza edizione di NO2 NO, grazie - a Roma, Milano e Napoli -

Smog, tanto smog, troppo smog. È un dato di fatto: soprattutto nelle aree urbane respiriamo un’aria pericolosamente inquinata...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 22/11/2019
Inquinamento planetario: scenari futuri

Asma e rischi cardiaci dovuti all'aria inquinata, alle infezioni e alla malnutrizione dovute al riscaldamento globale

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 11/11/2019
Aumento della temperatura: raddoppia la presenza di arsenico nel riso

Numerosi studi hanno già messo in evidenza l'impatto negativo dell'aumento delle temperature e della CO2 atmosferica sul riso

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 02/11/2019
Frutta e verdura fuori stagione nuocciono all'ambiente

I fagiolini e le clementine non sono sempre esemplari in materia ambientale. Alcuni frutti e verdure generano enormi sprechi energetici o inquinamento del suolo.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -