Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Coronavirus e riforma del MES in un anno che doveva essere 'Bellissimo'...

Coronavirus e riforma del MES in un anno che doveva essere 'Bellissimo'...
Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/03/2020

Nel 2012 fu pubblicato un mio approfondimento attraverso il quale spiegai cosa fosse il MES o Trattato ESM. All’epoca ci furono parecchi problemi per diffondere informazioni di questo genere. Citai, nel mio pezzo, Michele Santoro, che rifiutò di parlarne nella sua trasmissione televisiva. Al link seguente potrete leggere il mio articolo: Il fondo salva stati e la dittatura economica.

In piena emergenza sanitaria, con l’OMS che ha dichiarato lo stato pandemico, sta per compiersi qualcosa di davvero definitivo per la distruzione dei diritti dei cittadini italiani ed europei. Quello che sto per narrarvi avrà effetti devastanti principalmente sul popolo italiano, e la ragione è riconducibile al mostruoso debito pubblico che subiamo, alle costanti deroghe al pareggio di bilancio che in special modo i governi in carica negli ultimi anni hanno ottenuto dalla UE pur di non mandare immediatamente in rovina gli italiani, e garantirsi ancora un poco di affezione elettorale, e che – per fare un esempio tra i tanti – hanno trasformato l’Italia nell’unico territorio di attracco obbligatorio per tutti i flussi migratori.

Personalmente ho scritto, e sono stati pubblicati, miei articoli sui motivi per cui i migranti arrivano solo in Italia da oltre 10 anni. per chiarire che non raccontavo frottole, è stato necessario attendere che Emma Bonino dei Radicali, e la ex ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli del PD, dichiarassero alla stampa la verità: i governi di centrosinistra hanno venduto il territorio nazionale come campo di approdo indiscriminato per i flussi migratori, in cambio di deroghe al pareggio di bilancio. Transeat.

Cosa sta per accadere con le modifiche al MES? Una cosa terribile per tutti. Spiego innanzitutto una cosa. Quando nel nostro paese arriva una nuova riforma “lacrime e sangue” di mezzo c’è fondamentalmente lo zampino di questo trattato europeo. Se l’Italia chiede fondi in prestito alla UE, che li eroga attraverso il denaro versato da tutte le nazioni europee nel fondo di garanzia del MES, e che servono appunto per finanziare i paesi che si trovano in ristrettezze economiche, l’Europa chiede in cambio di tagliare nei comparti sociali, come la sanità, il wellfare, le pensioni, gli stipendi. Il motivo per cui, da circa 10 anni, pensioni e stipendi non vengono adeguati al costo della vita, la sanità subisce costanti tagli ai finanziamenti, così come il welfare o la sicurezza, dipende proprio da questo meccanismo, denominato “Fondo Salva Stati”.

Per fare un esempio pratico basti pensare al Bail In, il sistema attraverso il quale in caso di default di un istituto bancario sono i correntisti, gli azionisti e gli obbligazionisti a pagare. Nel 2016, grazie alla Direttiva UE n° 2014/59, si è almeno fatto qualcosa per arginare i danni a carico di chi non ha colpe sui fallimenti bancari: i prelievi forzosi non si operano sui depositi fino a 100.000 euro e nemmeno sui patrimoni dei clienti gestiti dalle banche. Almeno questo...

Salvano gli Stati, non le popolazioni. Un sistema scaturito, nel 2008, dalla crisi finanziaria statunitense, che diffuse la crisi economica a livello mondiale, come ho spiegato nel 2015 in questo editoriale.

Ancora oggi, i tagli sono affidati alle politiche economiche del governo, che cerca quindi di sforbiciare qua e la senza troppo far crollare l’affezione dell’elettorato nei confronti del mondo della politica.  Nel corso degli anni l’ho spiegato più volte, ma mi rendo conto che troppe persone scambiano la realtà dei fatti per cinismo del giornalista che spiega certe cose. Fa nulla, è parte integrante della professione avere anche lettori romantici e incapaci di guardare la realtà, o meglio, di non essere in grado di comprenderla.

Cosa sta per accadere con le modifiche apportate al MES? La cosa più eclatante è questa: non sarà più affidato ai governi il compito di stabilire cosa e quanto tagliare. Sarà un meccanismo automatico. Volete soldi in prestito? Ve li eroghiamo, ma automaticamente saranno operati tagli finanziari, senza nemmeno dover avvertire in tempo utile.

È questa la tragedia che sta per essere siglata anche dal premier Conte, che in queste ore si sta vantando di "aver ottenuto 25 miliardi di euro di aiuti dalla UE”. Non corrisponde al vero nemmeno questo. In realtà l’Italia ha aumentato il deficit di 25 miliardi. Credo che tutti siano in grado di comprendere la differenza tra “Aiuti economici” e “Aumento del deficit”.

Nella situazione da film di fantascienza in cui l’Italia, e tutti noi italiani ci stiamo trovando, isolati dal mondo a causa del Coronavirus i cui effetti, non solo sanitari, si stanno già palesando col crollo dei mercati finanziari, con la chiusura delle attività commerciali e delle aziende, con molte persone che perderanno il lavoro e altre che moriranno a causa del fatto che in Italia il sistema sanitario è disomogeneo e non tutte le regioni possono vantare l’eccellenza, ricordo a tutti due frasi: “Sarà  un anno bellissimo” detta dal premier Conte, e l’altra: “Abbiamo cancellato la povertà” dichiarazione di Luigi Di Maio.

Non ho altro da aggiungere se non un mio personale pensiero per tutti: abbiate cura di voi, non uscite di casa, non litigate tra familiari, passate il tempo riscoprendo gli hobby o curando il benessere. In ogni caso ne usciremo, la vita è la cosa più importante.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/02/2024 12:10:16

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -