Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Al Governo, la lobby di ‘Dio’…

Al Governo, la lobby di ‘Dio’…
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 10/05/2013

 
(Video: Don Giorgio De Capitani spiega l'inluenza - negativa - di Comunione e Liberazione - 2012)
In queste ore, in molti si chiedono – totalmente esterrefatti – come sia possibile che al governo del nostro paese ci si possa ritrovare, nei punti chiave, con personaggi del "calibro" di Roberto Formigoni, neo eletto a Presidente della Commissione Agricoltura del Senato pur avendo sulla testa, pesanti accuse per associazione a delinquere e corruzione, come si evince dai documenti delle indagini che la Procura di Milano sta effettuando.

Per la procura di Milano, Roberto Formigoni avrebbe "beneficiato di "utilità" per circa 8 milioni di euro in cambio di appoggi per la fondazione sanitaria privata Maugeri, dal 1997 al 2011".

Le persone che rimangono esterrefatte, sicuramente poco o nulla conoscono di una delle lobby più potenti che in Italia – da decenni – decide le sorti dell'Economia, delle Imprese, della Società, imponendo di conseguenza ai cittadini ed allo stesso Stato, il proprio potere assoluto che forse, in alcuni casi ma non sempre, può essere entrato in collisione (?) con l'altro succhia potere delle nostre Istituzioni: la Mafia.

La lobby di cui parlo, si chiama Comunione e Liberazione. Di cui Formigoni è uno dei massimi esponenti, da quando – nel 1975 – ne entrò a far parte.

Ora, a certe persone che totalmente ignorano il potere quasi assoluto del Movimento Comunione e Liberazione, si dovrebbe fare una lunga lezione che apra a ciò che in Italia ma non solo, è possibile produrre in termini di potere e corruzione, ben coperti dal nome di "Dio". Queste persone, opportunamente informate, credo che in poco tempo capirebbero come tutto ciò che abbiamo intorno a livello di diritti civili, sia crollato non tanto per mala gestione della cosa pubblica ma per attenta gestione della cosa pubblica per il vantaggio di coloro che hanno scelto di aderire ad una lobby come CL.

Sappiate ad esempio, che gli enormi tagli inferti negli anni al comparto sanitario, sono avvenuti grazie all'"oculata" amministrazione della cosa pubblica da parte dei maggiori componenti di Comunione e Liberazione che ha sempre sostenuto – nel nome di un'ambigua "sussidiarietà" – il passaggio di fondi dalla sanità pubblica a quella privata. Stesso discorso per le scuole, le Università e di tutti i comparti che dovevano continuare a esser gestiti dalle delle nostre istituzioni anche attraverso l'ormai negato welfare. per il bene del Paese e di conseguenza, dei cittadini.

Il motivo per cui un personaggio come Formigoni sembra passare sempre indenne dalle tante accuse che lo vedono protagonista, va cercato proprio nella sua assoluta adesione alla lobby: Comunione e Liberazione.

Silvio Berlusconi, altro elemento di spicco di Comunione e Liberazione che finanziò nel 1978 finanziò la testata di riferimento di CL "Il Sabato", fu addirittura appellato da Don Giussani (fondatore di CL nel 1954) come "L'Uomo della Provvidenza": già questo deve far riflettere su cosa sia la "provvidenza" negli ambienti ecclesiastici…

A Formigoni viene data oggi la Presidenza della Commissione Agricoltura: hanno proprio voluto confermare al mondo che le mani sull'Expo' 2015 non le mette nessuno, se non Formigoni e i suoi amici.

L'attuale ambiguo governo, presenta il più alto numero di aderenti a CL, ammettendo che nel mondo politico nazionali vi sia ancora qualcuno che non ne faccia parte: a partire da Maurizio Lupi (PdL) oggi Ministro delle Infrastrutture aderente a CL a partire dal 1990, che col suo dicastero porterà tanti begli appalti a CL attraverso la trasversale "Compagnia delle Opere", polo economico ed imprenditoriale nato nel 1986 sempre da un'idea di Don Giussani che sosteneva molto l'idea che la "comunità" di CL dovesse estendere la propria opera "missionaria" a quella imprenditoria già facente parte di Comunione e Liberazione. In pratica, aprirono una lobby trasversale che si occupasse in maniera specifica di contrattazioni d'alto livello su chi prendesse cosa fra appalti e varie ed eventuali. Per fare un "nome a caso": Sergio Marchionne ne fa parte e ovviamente, non solo lui…

Si continua con il montiano Mario Mauro, posto al comando del Ministero della Difesa e Ciellino doc.

Sulla sponda "sinistra" politicamente parlando, non sfuggono nemmeno Bersani e Renzi. Il primo sostenitore di CL attraverso le costanti frequentazioni delle "Coop bianche" il secondo per la sua affezione a CL attraverso la frequentazione del "fraterno" amico Marco Carrai da tempo aderente di Comunione e Liberazione e in qualche modo suo "consigliere" in ambito economico….

E se pensavate che il Premier Letta o il suo vice Alfano non fossero aderenti, ricredetevi: lo sono entrambi.

Il Governo della Lobby di Dio, difficilmente cederà il posto conquistato a un qualsiasi concetto democratico di politica nel nostro paese.

Fra Nuovo Ordine Mondiale che si impone al mondo da parte delle potenze internazionali e Comunione e Liberazione che ci impone il suo potere nazionale – ma anche internazionale – non siamo solo circondati: la dittatura è ormai parte integrante di tutti noi.

Uscirne è quasi impossibile. Eppure, scandali di ogni tipo, corruzioni di ogni livello, negazione dei diritti ai fondamentali della Democrazia non ce li hanno sicuramente occultati, in special modo nell'ultima manciata di anni.

A quanto pare, le popolazioni tardano sempre a capire e ad accettare persino, le informazioni che da anni, noi giornalisti che abbiamo scritto di parlarne, proponiamo. Peccato…

N.B.
A riprova delle dichiarazioni che ho rilasciato all'interno di questo articolo relativamente l'attività di alcuni personaggi della politica a sostegno di CL, di seguito troverete alcune citazioni di testate giornalistiche con la data di pubblicazione relative ad alcune cose che ho scritto

Questo, a scanso di ulteriori polemiche - da parte di alcuni lettori - che continuano a dire che ho scritto "cose irreali, non vere e non suffragate da prove"

Per ovvie ragioni, non elenco tutta la miriade di "prove" (...) che potrebbero essere citate, ma ritengo che il lavoro di una giornalista che da anni prova la propria onestà intellettuale coi fatti, non possa essere messa in croce da lettori che - quando si scrive la realtà - non l'accettano per partito preso

Emilia Urso Anfuso

- Berlusconi nel 1987 partecipa per la prima volta al meeting di Rimini di CL e dichiara: "Ci sono una simpatia ed un'amicizia vecchie di anni che mi uniscono a CL" - Ansa - 28 Agosto 1987

- 1978: Berlusconi finanzia - dietro proposta di Roberto Formigoni e Maurizio Lupi - la testata "Il Sabato" - Dichiarazione di Maurizio Lupi dell'epoca a Claudio Sabelli Fioretti su Interviste - Sette, allegato del Corriere della Sera dell'8 Aprile 2004 "Fu proprio quando andammo da Berlusconi a proporre la fondazione della testata Il Sabato che conobbi per la prima volta il Cavaliere. Lui diede una grossa mano a "Il Sabato" e contribuì economicamente alla sua fondazione"
 
Berlusconi ha partecipato a diversi meeting e quando non l'ha fatto, ha inviato vere e proprie delegazioni PdL in sua vece

- Bersani PD e CL - Bersani frequenta abitualmente i meeting di CL in special modi negli ultimi 12 anni - Un articolo di Sandro Magister sull'Espresso N° 33 del 18 Agosto 2006 "Da Giussani a Bersani"
 
Se pretendete che per ogni articolo che scrivo, vi faccia anche l'elenco storico delle notizie passate sui media negli ultimi 30 anni, ritengo davvero che vi sia un grosso problema in questa nazione: si tende a credere a chi ha distrutto - e continua a farlo - la Politica ma non a chi, come me, sta solo facendo il proprio mestiere: Informare, far riflettere, rendere libere le persone
 
Emilia Urso Anfuso
 



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/05/2022 04:04:39

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -